Skip to main content

TCO – Total Cost of Ownership


Cos'è il Total Cost of Ownership (TCO)

Total Cost of Ownership (TCO), significa letteralmente “Costo totale di possesso” o “Costo totale di proprietà”, è una grandezza che misura tutti i costi associati all'acquisizione, al possesso e alla gestione di un determinato bene o di una risorsa, per l'intero periodo in cui viene utilizzato.

Si tratta di un concetto spesso utilizzato nell'ambito degli investimenti aziendali, soprattutto quando si sta valutando l'acquisto di un bene, come attrezzature, veicoli o componenti, e si sta eseguendo un confronto con le alternative a disposizione.

L'acquisto di un'attrezzatura, di una tecnologia o di una risorsa, non si conclude con la transazione economica iniziale. Al contrario, da questo momento partono una serie di costi che si manifesteranno lungo l'intero ciclo di vita del bene.

Il TCO (Total Cost of Ownership), non si limita a considerare il prezzo di acquisto iniziale di un determinato bene, ma tiene conto di tutti i costi associati al suo intero ciclo di vita. Il suo calcolo include infatti i costi diretti e costi indiretti. Verranno così individuati i costi nascosti dietro ad un investimento, consentendo ad un'impresa di prendere decisioni sostenibili e in ottica di medio lungo termine.

L'obiettivo dell'analisi del Total Cost of Ownership (TCO) è perciò quello di misurare tutti i costi reali legati all'impiego e utilizzo di un bene, andando al di là del semplice prezzo di acquisto del bene stesso. In questo modo, il Total Cost of Ownership (TCO) diventa utile per valutare l'impatto di spesa attuale e futura su un determinato arco temporale nell'acquisto di un nuovo strumento o macchinario sul business aziendale.

La sua analisi diventa perciò fondamentale anche quando vengono effettuate previsioni del ritorno sull'investimento (ROI) di un determinato bene.

Nonostante non esista una definizione univoca dei costi che vengono tenuti in considerazione, e nonostante questi possano variare in base al focus dell'analisi, l'analista di Gartner Mr. Bill Kirwin ha proposto questa definizione in merito al TCO (Total Cost of Ownership):

“Il TCO rappresenta i costi totali per acquisto, utilizzo, gestione e dismissione di un asset, lungo tutto il suo ciclo di vita.”

Proviamo allora a immaginare come vada calcolato e quali siano i vantaggi derivanti dalla sua analisi.


 TCO Total Cost of Ownership: costi visibili e costi nascosti - Headvisor

Come utilizzare il TCO

Il Total Cost of Ownership venne utilizzato per la prima volta da Gartner per la valutazione dei costi dell'infrastruttura IT. Successivamente, il modello di analisi derivante da TCO si è diffuso a livello globale, grazie anche allo sviluppo di nuove metodologie e nuovi strumenti di analisi.

Questo ha permesso di sfruttare i vantaggi di questo metodo in diversi contesti e settori industriali.

La metodologia del Total Cost of Ownership è infatti molto versatile e può essere utilizzato dalle aziende per effettuare stime su qualsiasi acquisto: dall'acquisto di un mezzo di trasporto, di un macchinario o un software per la produzione.

Uno degli errori più frequenti nel calcolo del TCO viene commesso quando viene utilizzato in 2 diverse aziende il medesimo modello di calcolo. Ciò è poco efficace, a causa dei molteplici fattori che entrano in gioco nel momento della valutazione dei costi.

È perciò imprescindibile sviluppare un proprio modello, che tenga conto delle caratteristiche e della struttura dei costi per quella e soltanto struttura organizzativa.


TCO e Life Cycle Costing non vanno confusi

Un altro metodo utilizzato nella valutazione dei costi globali di un prodotto è il modello di analisi chiamato Life Cycle Costing. Questo modello prende in considerazione tutti i costi annessi al prodotto per la sua completa produzione. In questa analisi quindi i costi saranno quelli inerenti la materia prima, il costo impianti, costo manodopera, trasporti, energia e anche al suo definitivo smaltimento.

Si evince da questo modello come le 2 analisi siano ben diverse. Se il TCO può essere applicato all'analis di costo nell'assunzione di un bene per un determinato periodo nel LCC invece il presupposto è analizzare tutti i costi annessi alla vita di un prodotto dalla progettazione e produzione fino addirittura allo smaltimento

L'approccio LCC oggi è molto utilizzato ad esempio anche nell'aspetto di sostenibilità, proprio per dare risalto a tutti i costi produttivi e di smaltimento che spesso dal punto di vista dell'operatore non vengono presi in esame.

Nel TCO invece il punto di vista è meramente di convenienza. Quanto sarà l'impatto in termini economici della struttura nell'acquistare e mantenere per un lasso di tempo un determinato impianto o attrezzatura? Non si evidenziano i costi di produzione ne della materia prima. E lo smaltimento è meramente economico non di impatto ambientale.



I benefici del calcolo del TCO

Adottare una strategia che mira alla riduzione del Total Cost of Ownership (TCO) offre una serie di vantaggi significativi, soprattutto alle imprese che si trovano spesso a dover valutare decisioni sugli investimenti e la gestione delle risorse.

Ecco alcuni vantaggi che si possono ottenere da calcolo del TCO:

  • Valutazione dei costi complessivi: il TCO consente di valutare in modo accurato i costi relativi ad un bene o servizio in un determinato lasso di tempo. In questo modo diventa possibile identificare i “costi nascosti”, come quelli legati alla manutenzione, alle riparazioni e agli impatti sull'efficienza operativa.
  • Pianificazione a lungo termine: una migliore gestione dei costi, e la previsione degli stessi, consente di pianificare gli investimenti a lungo termine in modo oculato, evitando di correre rischi che potrebbero compromettere la liquidità aziendale.
  • Valutazione degli investimenti: l'analisi del Total Cost of Ownership facilita la comparazione tra diverse opportunità di investimento, permettendo alle aziende di effettuare scelte informate e in linea con gli obiettivi strategici.
  • Valutazione dei fornitori: conoscere il TCO permette di individuare i migliori fornitori per l'acquisto di un determinato bene. Inoltre, è possibile sfruttare i risultati dell'analisi come leva commerciale per ottenere prezzi vantaggiosi.
  • Riduzione degli sprechi e aumento della qualità: alcuni costi inclusi nel calcolo del TCO sono legati all'efficienza dell'azienda e non a condizioni esterne. Per ridurre questi costi è fondamentale ridurre gli sprechi ed efficientare le operazioni aziendali. In questo modo si otterrà anche un aumento della qualità finale.
  • Calcolo del ROI: l'analisi del TCO può essere utilizzata per facilitare il calcolo del ROI (Return On Investment).

Questi vantaggi ci aiutano a comprendere che se ci limitassimo a prendere in considerazione il costo di acquisto, si potrebbe correre il rischio di acquisire un prodotto che potrebbe rivelarsi più costoso o oneroso nel medio lungo periodo.

Il calcolo e l'analisi del Total Cost of Ownership è perciò un'operazione fondamentale e può portare enormi benefici a qualsiasi impresa.



Total Cost of Ownership: come viene calcolato

Il calcolo del TCO non prevede una formula universale, poiché la sua analisi dipende fortemente dal tipo di bene preso in analisi, dalle caratteristiche dell'azienda, dal settore e dal focus dell'analisi stessa.

Molte società di consulenza utilizzano dei modelli di calcolo predefiniti che permettono di effettuare previsioni di costo accurate e forniscono report facilmente comprensibili.

Solitamente il calcolo prevede due livelli, ovvero le categorie di costo e gli elementi di costo. Le categorie di costo sono elencate di seguito e la maggior parte degli elementi di costo appartiene ad una di queste categorie.

Nel 1993, Ellram e Siferd ipotizzarono 6 macro categorie di costo, descritte all'interno di “Purchasing: The Cornerstone of The Total Cost of Ownership Concept”:

  • Qualità: elementi di costo relativi alla qualità del fornitore e del prodotto
  • Gestione: include i costi di approvvigionamento, di pianificazione e i costi iniziali
  • Fornitura: ritardi nella fornitura, forniture difettose e eventuali problematiche
  • Servizio: elementi di costo relativi alla manutenzione, installazione e qualsiasi altro servizio
  • Comunicazione: costi legati alla comunicazione interna ed esterna (con i fornitori)
  • Prezzo: costo diretto di acquisto e consegna

Argomenti correlati


Vuoi redigere il Bilancio di Sostenibilità della tua impresa?

Noi ti aiutiamo a svilupparlo con il nostro servizio di reporting della sostenibilità

Scopri il nostro servizio per la rendicontazione della sostenibilità aziendale







LEGGI GLI ULTIMI TUTORIALS

Balanced scorecard: la guida completa

Balanced Scorecard BSC è la scheda di valutazione bilanciata per la gestione strategica e la misurazione dei risultati aziendali nelle diverse aree.


Analisi PEST e analisi PESTEL

Analisi PESTEL (anche chiamata PEST o PESTLE) permette di evidenziare tutti i fattori esterni che possano condizionare lo sviluppo di una azienda o business


La Carbon Footprint aziendale: 9 tecniche e metodi per la stima degli impatti di emissioni in atmosfera

Carbon Footprint aziendale: tecniche e metodi per la stima degli impatti di emissioni in atmosfera e rendicontazione nel bilancio di sostenibilità




LEGGI GLI ULTIMI POST


CSRD: il nuovo standard per la sostenibilità

CSRD è divenuto lo standard europeo per l'analisi e la costruzione del bilancio di sostenibilità e rendere equiparabili gli indicatori ESG


Progetto sostenibilità: finanziarlo con la finanza agevolata

Un progetto sostenibilità rappresenta un'opportunità imperdibile per le imprese, è fondamentale quindi finanziarlo al meglio. Ecco come fare.


Sostenibilità e tecnologia: si parla di Industria 5.0

Industria 5.0 è la naturale prosecuzione del percorso di digitalizzazione intrapreso dalle aziende, con l'introduzione di tecnologie e sostenibilità.





Chiedici una consulenza gratuita

I nostri esperti sono a tua disposizione!

Gli operatori circolano nei reparti della tua azienda con fogli di carta? La pianificazione della produzione è manuale o effettuata con Excel?

Sai esattamente quanto è il tuo livello di produzione? Quanto scarto produci? Quante rilavorazioni per inefficienze? Quante materie prime impieghi?

Tramite un processo di efficientamento è possibile implementare soluzioni tengibili, per ottimizzare al meglio ogni processo e migliorare il livello di efficienza.

Tutto il nostro team è a tua disposizione, per qualunque esigenza.


Leggi la Privacy Policy cliccando su questo link.

Sistemi di Efficientamento organizzativo

Gli strumenti per efficientare la tua impresa


L'analisi e la mappatura dei processi di un'organizzazione, consentono di riorganizzare le attività, razionalizzare l'uso delle risorse, incrementare l’efficacia, l’efficienza ela produttività della struttura stessa.

I nostri servizi a supporto di imprese:

  • Mappatura dei processi interni, gestionali e organizzativi
  • Analisi e ottimizzazione delle prestazioni dei processi individuati
  • Analisi e riduzione dei costi di gestione
  • Ridefinizione dei processi con l'obiettivo di migliorare l'efficienza dell'organizzazione e delle sue prestazioni
  • Progettazione di Innovazione tecnologica e digitalizzazione dei processi
  • Progettazione di economia circolare

Certificazioni

La garanzia di Headvisor